Conferimento del latte

Già che state soltanto immaginando proviamo ad esagerare…vi siete alzati prestissimo per essere qui verso le sei del mattino!
In questo caso vedreste la cisterna che varca lo stesso cancello da dove siete entrati anche voi, si ferma in un punto preciso e aspetta. Il punto preciso è una pesa stradale. Si pesa infatti tutto il mezzo con il suo carico all’arrivo e poi di nuovo all’uscita dopo aver scaricato tutto il prodotto.
Una volta finita la trafila del peso, il camion arriverebbe alla banchina. Vedreste il “Cillo” o il “Nano” prelevare un campione di latte dalla cisterna per il laboratorio di analisi dove, nel minor tempo possibile, si eseguirebbero tutti gli accertamenti per vedere se il latte è conforme o meno ai nostri standard.
Vedreste utilizzare strumenti costosi e all’avanguardia che in pochissimi minuti sono in grado di darvi molte risposte sul campione di latte in esame.
Ogni giorno infatti verifichiamo che il latte non contenga antibiotici, aflatossine, che non sia stato annacquato, che non sia acido e che abbia il giusto tenore di grasso. Tutto questo però solo per poter iniziare a scaricarlo nei nostri impianti. Infatti, contemporaneamente a tutte le fasi di lavorazione successive, vengono svolte ulteriori analisi di approfondimento che richiedono tempi più lunghi. In questo modo il latte viene accompagnato in tutto il suo percorso da svariati controlli volti a monitorare e assicurare la sua bontà.

A cura della Dott.ssa Laura Faedda – Assicurazione Qualità

Share this post:

Conferimento del latte

Già che state soltanto immaginando proviamo ad esagerare…vi siete alzati prestissimo per essere qui verso le sei del mattino!
In questo caso vedreste la cisterna che varca lo stesso cancello da dove siete entrati anche voi, si ferma in un punto preciso e aspetta. Il punto preciso è una pesa stradale. Si pesa infatti tutto il mezzo con il suo carico all’arrivo e poi di nuovo all’uscita dopo aver scaricato tutto il prodotto.
Una volta finita la trafila del peso, il camion arriverebbe alla banchina. Vedreste il “Cillo” o il “Nano” prelevare un campione di latte dalla cisterna per il laboratorio di analisi dove, nel minor tempo possibile, si eseguirebbero tutti gli accertamenti per vedere se il latte è conforme o meno ai nostri standard.
Vedreste utilizzare strumenti costosi e all’avanguardia che in pochissimi minuti sono in grado di darvi molte risposte sul campione di latte in esame.
Ogni giorno infatti verifichiamo che il latte non contenga antibiotici, aflatossine, che non sia stato annacquato, che non sia acido e che abbia il giusto tenore di grasso. Tutto questo però solo per poter iniziare a scaricarlo nei nostri impianti. Infatti, contemporaneamente a tutte le fasi di lavorazione successive, vengono svolte ulteriori analisi di approfondimento che richiedono tempi più lunghi. In questo modo il latte viene accompagnato in tutto il suo percorso da svariati controlli volti a monitorare e assicurare la sua bontà.

A cura della Dott.ssa Laura Faedda – Assicurazione Qualità

<— TORNA PROSEGUI —>

Share this post:
Fiorenzo FrascheriConferimento latte